Image by Jamie Street

Benvenuti

in Sesto Senso

0K9A0908-6.jpg
Monaco buddista che medita

SHOP

ONLINE

IMG_3948-29.jpg

I gioielli di guarigione

I Monaci Tibetani hanno voluto offrire la tradizione dei gioielli di protezione, una tradizione molto antica e una volta segreta, per aiutarci in questo compito – prendersi cura della mente – e per ricordarci quanto essa sia preziosa, proprio come un gioiello.


Nel buddhismo tantrico esistono dei metodi di protezione molto efficaci che potremmo definire “magici” per mancanza di un termine più appropriato. Sono metodi che agiscono ai livelli più sottili, i cosiddetti livelli energetici, di cui non abbiamo esperienza cosciente. L’intuizione speciale dei Monaci Tibetani è stata quella di adattare le tecniche più potenti del buddhismo tantrico (che per questo venivano tenute segrete) alle esigenze e alle realtà della società moderna, togliendole dal contesto religioso.

 Tra questi metodi esoterici uno dei più segreti è quello dei gioielli di protezione.

 

Ci sono poche tracce esplicite di questa tradizione che appartiene allo speciale lignaggio dei mahasiddha e, in particolare, a quegli insegnamenti “sussurrati” che venivano trasmessi direttamente dal maestro a pochi discepoli altamente qualificati.

Ne troviamo invece traccia qua e là nei testi e nei dipinti.

Ad esempio, nella storia di uno dei santi più conosciuti del Tibet, Milarepa, troviamo menzionata la collana di rubini, appartenuta al grande santo Naropa, che Milarepa sottrae al proprio maestro Marpa. 

Nel racconto si intuisce chiaramente l’eccezionale valore spirituale di questo oggetto.

Ci sono poi i dipinti dei mahasiddha che vengono spesso rappresentati con ornamenti di gioielli.

I mahasiddha erano degli individui un po’ speciali, che ottenevano le realizzazioni spirituali conducendo uno stile di vita molto poco ortodosso. Erano asceti che avevano rinunciato a tutto e che spesso vivevano in luoghi desolati, nei cimiteri o in caverne con appena il necessario per la propria sussistenza fisica e, se il clima era mite, giravano seminudi. 

Allora perché si preoccupavano così tanto degli ornamenti? I loro gioielli, che raffiguravano i simboli del buddhismo ed erano attivati con delle speciali cerimonie, erano in realtà dei canali di energie molto speciali che permettevano loro di ottenere le realizzazioni spirituali in tempi brevi. Erano sì il simbolo delle realizzazioni ma erano anche il mezzo (o un aiuto molto importante) per raggiungerle. Un aiuto così importante che questi asceti nudi li conservavano tra le loro scarse proprietà.

I Lama Tibetani mahasiddha, grandi guaritori da anni vivono viaggiando in tutto il mondo e in questi viaggi si sono fatti un’idea precisa di quali siano i problemi che affliggono le persone al giorno d’oggi. Così hanno deciso di mettere a disposizione di tutti questa particolare, ma anche incredibilmente efficace, tradizione dei gioielli di protezione; per offrire un’altra soluzione alla società del terzo millennio. I gioielli di protezione sono dei veicoli, delle porte attraverso le quali l’energia di protezione dei mahasiddha arriva fino a noi.

IMG_3928-24
Candele del tempio
IMG_4015-40
Budda
IMG_3999-38
Candele di illuminazione del Monaco budd
0K9A0947-17
Giovani monaci buddisti

Veri gioielli tibetani

FORNITORI

Mantenere i prezzi bassi a discapito del fornitore è pratica regolare, soprattutto in Oriente.

 

Noi pensiamo che questo non sia un comportamento etico ed intelligente in quanto, a livello energetico, crea una radice di sofferenza che si trasmette così negli oggetti!

Le aziende con cui lavoriamo sono state attentamente e personalmente verificate e non utilizzano manodopera infantile, pagano gli operai e li assistono durante le loro giornate lavorative!

LE PIETRE

Il quarzo è uno dei minerali più diffusi sulla Terra. Sapevate che in un blocco di quarzo le parti pure sono poche e lo scarto molto grande? 

La soluzione? Come sempre, il sintetico! ma non ha lo stesso potere del quarzo vero. E' poco più di un pezzo di vetro inerte.

Noi, quando offriamo quarzo, offriamo quarzo naturale. Se usiamo il turchese, non usiamo la pasta, cioè il turchese rigenerato  equivalente alla plastica!

Le pietre e i metalli preziosi, ancora oggi, vengono usate dai medici tibetani nelle loro preparazioni.


Le nostre pietre sono naturali!

L'AMBIENTE

Nel mondo tutto è interdipendente. Cerchiamo così di usare il più possibile materiali ecosostenibili e poco inquinanti.


Per esempio, la carta delle nostre confezioni proviene da una cartiera che lavora con impatto ambientale zero. 

 

L'avorio vegetale, il cui vero nome è 'tagua' o 'corozo' viene ricavato da una noce che cresce nella foresta pluviale. E' un albero a crescita molto lenta. Usare questo materiale aiuta a preservare le foreste.

La galalite è una plastica che si ricava dalla caseina ed è completamente biodegradabile.

INTERVENTI UMANITARI

Sono l'obbiettivo primario.

Un'ultima considerazione. Anche la bellezza è importante. Stiamo cercando di fare dei gioielli di guarigione i più belli possibile.

 

Pensiamo che le persone che li indossano, oltre al beneficio che deriva dalle loro benedizioni, debbano provare gioia nell'indossarli. 


E se questa gioia sia amplificata nell'essere consapevoli che acquistando uno dei nostri gioielli siamo in grado di sostenere la comunità buddista che ha sua volta svolge un intensa attività di beneficenza? 

Image by Raimond Klavins

Quale scegliere

Per scegliere il vostro gioiello pensate a come siete o a come vi sentite; per esempio a quali sono i vostri problemi principali. Oppure lasciatevi guidare dalla vostra saggezza intuitiva e scegliete il gioiello che vi attrae di più.

 

Se ne avete comperati diversi potete indossarli uno per volta, come antidoto a una particolare difficoltà che sentite come più impellente in un dato giorno o in un dato momento. Ma potete anche indossarne tanti insieme: non hanno effetti collaterali né reazioni negative. Se ne indossate molti insieme portate semplicemente con voi più benedizioni e protezioni. Tradizionalmente i tibetani indossavano dei grossi reliquiari (gau) colmi di oggetti benedetti. Potete anche non indossarne affatto se non ve la sentite.

 

Seguite sempre il vostro intuito, è la cosa migliore. Ma ricordate che la Ro Raksha vi protegge solo quando la indossate. E i Lama Tibetani hanno dato una particolare enfasi alla necessità di indossarla sempre. 

healingjewels.com

Iscriviti alla nostra Newsletter

(+39) 346 7353058

©2008-2020 Sesto Senso di Monica Poletti P.IVA 02138820036